Decreto Ministeriale MISE del 25 Marzo 2020 - Nuovo Allegato sui Codici Ateco autorizzati all'attività

Con firma del Ministro Patuanelli è stato emanato nella serata di ieri un Decreto Ministeriale che ha modificato l’Allegato 1 del DPCM del 22.3.2020 contenente le attività economiche che in base al Codice Ateco possono proseguire la propria attività nonostante le restrizioni adottate contro il diffondersi del COVID-19.
 
Come già in vigore da questa settimana, le imprese non ricomprese nella classificazione Ateco di cui sopra, possono proseguire la propria attività qualora lavorino in filiera con aziende comprese nell’elenco Ateco o lavorino con imprese straniere di settori ritenuti essenziali (farmaceutico e alimentare) o esercitino attività da ritenersi funzionale ad assicurare la continuità dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali. Anche le imprese che svolgono attività con impianti a ciclo produttivo continuo, dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti, potranno continuare l’attività, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva;
 
Per i casi sopra descritti le aziende devono comunicare tale condizione alla Prefettura della propria Provincia secondo la modulistica allegata alla presente comunicazione.
 
Le restanti imprese, avranno tempo fino al giorno 28 marzo p.v. (compreso) per smaltire le lavorazioni in magazzino con la forza lavoro necessaria e sospendere l’attività fino al giorno 3 aprile p.v. In tal caso al Titolare/Socio/Amministratore/Dirigente dell’azienda che sospenderà l’attività sarà consentito l’accesso al sito aziendale per motivi di sicurezza, controllo, adempimenti urgenti mediante un’autocertificazione (modulo allegato alla presente). In caso di necessità è possibile altresì comunicare alla Prefettura la necessità di accesso al sito aziendale per manutenzione/adempimenti amministrativi urgenti di personale interno dotato anche a sua volta di autocertificazione a supporto. 
 
Per le aziende che potranno operare si invita al rispetto delle normative in tema di sicurezza che sono state ampiamente descritte nel Vademecum trasmesso a tutte le imprese anche nella sua recentissima versione aggiornata.
 
L’Associazione, attraverso i propri funzionari presenti negli uffici e/o con lavoro a distanza, è in costante e completa disposizione per ogni necessità.
 
 
 
Allegati:
Confimi Apindustria Bergamo - Via S. Benedetto, 3 - 24122 Bergamo (BG), Italia - T +39 035 210151 - F +39 035 223448 - info@confimibergamo.it - C.F. 80023450168 - Cookie Policy - Contributi pubblici

Torna in cima